BAL Lazio

Notizie

Vaccino anti-HPV: si va verso una dose sola

Pubblicato giovedì 29 Agosto 2019

Una dose del vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) avrebbe un’efficacia paragonabile a due o tre dosi nel prevenire le lesioni precancerose della cervice uterina. È quanto afferma un gruppo di ricercatori australiani dopo aver analizzato i dati degli ultimi 10 anni.

Nello studio pubblicato su Papillomavirus Research i ricercatori hanno confrontato i risultati dello screening cervicale utilizzando i registri nazionali delle vaccinazioni HPV e i registri di tumori e mortalità relativi a un’ampia popolazione di donne australiane nate dal 1992 in poi.

Il dato più notevole emerso dalla ricerca è che, nelle donne che erano state vaccinate in giovane età – quando la maggior parte non era ancora stata esposta all’HPV – anche una sola dose di vaccino riduceva la possibilità di rilevare una lesione precancerosa allo screening cervicale.

Più in dettaglio, nel campione sono state incluse 250.648 donne: 48.845 (19,5%) non vaccinate, 174.995 (69,8%) con tre dosi di vaccino, 18.190 (7,8%) con due dosi e 8.618 (3,4%) con una dose. L’HR aggiustato era significativamente più basso per i gruppi vaccinati rispetto alle donne non vaccinate: 1 dose 0,65 (IC 95% 0,52-0,81), 2 dosi 0,61 (0,52-0,72) e 3 dosi 0,59 (0,54-0,65). Considerando nell’analisi l’età al momento della vaccinazione nel gruppo vaccinato, gli HR aggiustati per una e due dosi erano sovrapponibili a quello per tre dosi (una dose 1,01 (95% IC 0,81-1,26), due dosi 1,00 (0,85-1,17).

I vaccini anti-HPV erano stati inizialmente testati in un programma a tre dosi distanziate di 0, 1-2 e 6 mesi. Tuttavia i titoli più elevati rilevati tra gli adolescenti hanno portato a verificare l’equivalenza con una strategia a due dosi con un dosaggio più ampio (0,6-12 mesi) nei giovani adolescenti, come avviene ora.

“Se una vaccinazione con una dose si rivelasse sufficiente, si semplificherebbe davvero la nostra capacità di proteggere più persone da questi virus cancerogeni”, è la sintesi di Julia Brotherton (VCS Foundation e Università di Melbourne). “E questo”, prosegue la Brotherton, “potrebbe fare un’enorme differenza, specialmente nei paesi con meno risorse che attualmente hanno alti tassi di cancro cervicale ma non possono permettersi la vaccinazione o lo screening”.

La vaccinazione è una parte fondamentale della strategia a cui lavora l’Organizzazione mondiale della sanità per mettere fine al cancro della cervice uterina come problema di salute pubblica, una strategia a cui si aggiungono i programmi di screening, le strutture per la diagnosi e il trattamento precoci e le cure palliative.

In Australia, la vaccinazione contro l’HPV è abitualmente offerta gratuitamente nell’ambito del Programma nazionale di immunizzazione sia alle ragazze che ai ragazzi a 12-13 anni, con il recupero gratuito disponibile fino ai 19 attraverso medici e cliniche locali.

Come sta avvenendo in Australia, anche nella maggior parte degli altri paesi, soltanto oggi è possibile valutare l’impatto del vaccino sugli esiti dello screening relativi alle ragazze vaccinate in età target, invece che alle giovani donne già sessualmente attive prima della vaccinazione come avveniva in precedenza. E, in effetti, i dati che provengono da Danimarca e Stati Uniti confermerebbero la possibilità che una dose possa rivelarsi sufficiente, anche se bisogna necessariamente attendere l’esito di studi randomizzati prima di passare alla fase di modifica delle raccomandazioni ufficiali.

Fonte
Brotherton JM1 et al. Is one dose of human papillomavirus vaccine as effective as three? A national cohort analysis. Papillomavirus Res 2019;8:100177.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.