Home / Notizie / Violenza domestica: una donna su quattro…

Violenza domestica: una donna su quattro ne è vittima nel corso della vita

Più di una donna su quattro nel mondo subisce violenze domestiche prima dei 50 anni, secondo la più ampia revisione su questo argomento.

L’analisi di 366 studi che hanno coinvolto più di 2 milioni di donne ha stimato che il 27% delle donne tra i 15 e i 49 anni ha subito violenza fisica e/o sessuale da parte di un partner maschio nel corso della propria vita. Una donna su sette (13%) – quasi 500 milioni nel mondo – ha subito violenza domestica nell’ultimo anno della ricerca. I risultati sono stati pubblicati su Lancet.

“La violenza nelle relazioni intime colpisce la vita di milioni di donne, bambini, famiglie e società in tutto il mondo”, spiega Claudia García-Moreno, dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e autrice dello studio. “Sebbene la ricerca abbia avuto luogo prima della pandemia di Covid-19, i numeri sono allarmanti e i dati hanno dimostrato che la pandemia ha esacerbato i problemi che portano alla violenza come isolamento, depressione e ansia e consumo di alcol, oltre a ridurre l’accesso ai servizi di supporto… I governi, le società e le comunità devono prestare attenzione, investire di più e agire con urgenza per ridurre la violenza contro le donne, anche affrontandola negli sforzi di ricostruzione post-Covid”.

García-Moreno ha aggiunto che i progressi compiuti negli ultimi 20 anni sono stati “gravemente insufficienti” rispetto all’obiettivo globale di eliminare la violenza contro le donne entro il 2030.

Lo studio ha anche riscontrato alti livelli di violenza in particolare contro adolescenti e giovani donne. Si stima che nella coorte di età più giovane, tra i 15 ei 19 anni, il 24% abbia subito violenza nella propria vita almeno una violenza nelle relazioni intime.

La prevalenza di violenze recenti è stata più alta tra le adolescenti e le giovani donne di età compresa tra i 15 ei 19 anni e tra i 20 ei 24 anni, con il 16% negli ultimi 12 mesi della ricerca.

“L’alto numero di giovani donne che subiscono violenza da parte del partner è allarmante, perché l’adolescenza e la prima età adulta sono fasi della vita importanti quando vengono costruite le basi per relazioni sane”, ha commentato LynnMarie Sardinha, anche lei dell’OMS. “La violenza subita da queste giovani donne ha un impatto duraturo sulla loro salute e sul loro benessere. La violenza intima del partner è prevenibile e occorre fare di più per sviluppare e investire in interventi efficaci a livello comunitario e scolastico che promuovano l’uguaglianza di genere e riducano il rischio per le giovani donne di subire violenze da parte di un partner”.

L’analisi dei dati di 161 paesi ha rilevato variazioni regionali, con paesi ad alto reddito che hanno una minore prevalenza di violenza sia nel corso della vita che nell’ultimo anno. La prevalenza una tantum tra le donne di età compresa tra i 15 ei 49 anni era più alta in Oceania (49%) e nell’Africa subsahariana centrale (44%). Le regioni con la più bassa percentuale stimata di violenza domestica contro le donne sono invece l’Europa centrale (16%) e l’Asia centrale (18%).

La prevalenza nell’Europa occidentale è stata stimata attorno al 20%, cioè, circa una donna su cinque subisce violenza domestica prima dei 50 anni.

“Questi risultati confermano che la violenza domestica contro le donne rimane una sfida globale per la salute pubblica”, continua García-Moreno, che ha chiesto “un investimento urgente in interventi multisettoriali efficaci e una risposta rafforzata della sanità pubblica nell’affrontare il problema post-Covid”.

Fonte
Sardinha L et al. Global, regional, and national prevalence estimates of physical or sexual, or both, intimate partner violence against women in 2018. Lancet. 2022;399(10327):803-813.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *