BAL Lazio

Notizie

Obesità infantile e ipertensione gravidica: un’associazione pericolosa

Pubblicato mercoledì 8 Maggio 2019

I disturbi ipertensivi in gravidanza sono particolarmente preoccupanti perché possono mettere a repentaglio la vita sia della madre che del nascituro. Le donne che hanno sofferto di obesità durante l’infanzia sono ad aumentato rischio di sviluppare disturbi ipertensivi durante la gravidanza rispetto alle donne normopeso. Questi i risultati di uno studio danese presentato al recente Congresso europeo sull’obesità a Glasgow, in Scozia (28 aprile – 1 maggio 2019).

Lo studio
Nella ricerca sono stati utilizzati i dati di 49.615 donne in Danimarca, nate tra il 1930 e il 1996. Le misure annuali di altezza e peso sono state raccolte nel periodo 7-13 anni.

I ricercatori hanno definito sovrappeso e obesità a 7 e 13 anni in base ai cut-off dell’indice di massa corporea Obesity Task Force (BMI 17,69 kg /m2 all’età di 7 anni e 22,49 kg /m2 all’età di 13 anni). Dai registri nazionali, sono state identificate le donne che in seguito sono rimaste incinta e quelle che hanno sviluppato ipertensione gestazionale o preeclampsia dal 1978 al 2017. Nei criteri di inclusione la fascia di età compresa tra 18 e 45 anni e l’aver dato alla luce un singolo bambino alla prima nascita registrata.

L’équipe ha riscontrato che rispetto alle ragazze con peso normale, quelle in sovrappeso all’età di 7 o 13 anni avevano un rischio significativamente aumentato di sviluppare ipertensione gestazionale (1,9 e 2,0 volte, rispettivamente) e preeclampsia (1,6 e 2,3 volte).

Quando si osservano i modelli di cambiamento nell’IMC, le ragazze con sovrappeso a soli 13 anni o con entrambi i 7 e 13 anni avevano circa il doppio delle probabilità di sviluppare ipertensione e preeclampsia gestazionale durante la gravidanza, rispetto alle ragazze con peso normale in entrambe le età.

“Dai risultati quindi deriva che gli sforzi preventivi volti ad aiutare le ragazze a raggiungere un peso normale durante infanzia e adolescenza possono giovare sia alla loro salute che alla salute dei bambini che potrebbero avere in futuro”, concludono i ricercatori autori dello studio.

L’obesità in Europa
Un nuovo studio dell’OMS /Europa, “Prevalenza dell’obesità grave tra i bambini delle scuole primarie in 21 paesi europei” ha raccolto i dati, a partire dal 2007, di 636.933 bambini (323.648 maschi e 313.285 femmine) di età compresa tra 6 e 9 anni. Lo studio ha evidenziato ampie differenze nella prevalenza di obesità grave tra i diversi paesi partecipanti con un range compreso tra l’1.0% in Svezia e Moldavia (95% CI 0,7-1,4 e 0,7-1,5, rispettivamente) e il 5,5% (95% CI 4,9-6,1) nei bambini maltesi. I paesi dell’’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno il più alto livello di obesità grave, circa il 4%. Nei paesi dell’Europa occidentale e settentrionale, come Belgio, Irlanda, Norvegia e Svezia, la prevalenza era inferiore al 2%.

I risultati dello studio mostrano che, nonostante gli sforzi mirati alla prevenzione, ci sono regioni europee che continuano a lottare con tassi comparativamente più alti di obesità infantile: i progressi nell’affrontare la crisi dell’obesità infantile nel continente sono stati piuttosto lenti e disomogenei.

In particolare, l’obesità grave, che colpisce quasi 400.000 bambini di età nei 21 paesi partecipanti, rappresenta un serissimo problema di salute pubblica. Dato il suo impatto sull’istruzione, sulla salute, sull’assistenza sociale e sull’economia, il nuovo rapporto sottolinea che il problema deve essere affrontato attraverso una serie di approcci, dalla prevenzione alla diagnosi precoce e al trattamento.

Fonti
European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.
Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Lethaby AE et al. Progesterone/progestogen releasing intrauterine systems versus either placebo or any other medication for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD002126. doi: 10.1002/14651858.CD002126.

Levis B. Accuracy of the PHQ-2 alone and in combination with the PHQ-9 for screening to detect major depression: systematic review and meta-analysis. JAMA 2020;323(22):2290-2300.

NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC). Repositioning of the global epicentre of non-optimal cholesterol. Nature 2020 Jun;582(7810):73-77. doi: 10.1038/s41586-020-2338-1. Epub 2020 Jun 3.

Hsiang S et al. The effect of large-scale anti-contagion policies on the COVID-19 pandemic. Nature 2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2404-8. Online ahead of print.

Flaxman S. Estimating the effects of non-pharmaceutical interventions on COVID-19 in Europe. Nature2020 Jun 8. doi: 10.1038/s41586-020-2405-7. Online ahead of print.

Carlsen LN. Comparison of 3 treatment strategies for medication overuse headache: a randomized clinical trial. JAMA Neurol 2020;e201179. doi: 10.1001/jamaneurol.2020.1179. Online ahead of print.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.