BAL Lazio

Aree tematiche

Carcere e oppioidi: alla ricerca delle strategie efficaci

Pubblicato lunedì 20 Gennaio 2020

Una recente revisione sistematica pubblicata su PLoS Medicine si è soffermata sugli interventi relativi agli oppiodi prima, durante e dopo la detenzione con l’obiettivo di migliorare la gestione del problema dell’abuso tra chi si trova negli istituti detentivi.

Il sovradosaggio da oppiodi è ormai considerato un problema emergente di salute pubblica a livello mondiale. Nel sistema di giustizia penale ha un particolare rilievo perché le persone con disturbi da dipendenza da oppioidi sono di più in proporzione rispetto alla popolazione generale e presentano anche un rischio più alto di mortalità correlata. Una recente metanalisi (Fazel et al.2017) ha stimato una prevalenza del 30% e 51% per disturbi da dipendenza di sostanze tra uomini e donne detenute, rispettivamente, e sottolinea una tendenza, negli ultimi 10 anni, ad un aumento generale nella prevalenza di questi disturbi in questa popolazione.

Ciononostante, poche strutture giudiziarie penali controllano abitualmente e adeguatamente le loro popolazioni alla ricerca del disturbo da uso di oppioidi adottando spesso un approccio centrato soltanto sull’astinenza e rinunciando del tutto alle possibilità di trattamento con gli agonisti degli oppioidi.

La ricerca (la prima a valutare gli effetti sia degli interventi di trattamento sia quelli preventivi durante e dopo la detenzione tra le popolazioni carcerarie adulte) affronta l’impatto del sovradosaggio correlato agli oppioidi e mette in evidenza le possibili strategie efficaci di salute pubblica. Sono stati presi in considerazione 2356 studi pubblicati tra il 2008 e il 2019, 46 dei quali hanno soddisfatto i criteri di inclusione nella revisione. Per la maggior parte (30) si trattava di studi condotti in Nord America, 9 in Europa e 7 in Asia/Oceania. I risultati degli studi sono stati sintetizzati considerando la fase in cui il trattamento farmacologico è stato somministrato rispetto al periodo di detenzione (pre-detenzione, durante la detenzione o post-detenzione)

I partecipanti sottoposti in una struttura correttiva a trattamento standard di mantenimento con metadone (MMT) o buprenorfina (BPN)/naloxone (NLX) erano quelli con i tassi più bassi di uso illecito di oppiacei, maggiore aderenza al trattamento, minor recidiva e più probabilità di lavorare 1 anno dopo il carcere. In più, i partecipanti in trattamento standard con agonisti degli oppioidi avevano un minor numero di overdose non fatali e una bassa mortalità.

I limiti principali della revisione derivano direttamente dalla notevole eterogeneità degli studi (diversi per disegno, popolazioni, trattamenti e risultati), che ha precluso una metanalisi. Tuttavia, dai risultati emerge piuttosto chiaramente che per mitigare l’impatto del fenomeno del sovradosaggio da oppioidi è cruciale incrementare le strategie di trattamento con agonisti degli oppioidi e di prevenzione all’interno delle strutture correzionali in un continuum – che include le fasi prima, durante e dopo il soggiorno in carcere – in grado di assicurare un adeguato collegamento nella cura post-detenzione.

Fonti
Malta M et al. Opioid-related treatment, interventions, and outcomes among incarcerated persons: A systematic review. PLoS Med. 2019;16(12):e1003002.
Fazel S, Yoon IA, Hayes AJ. Substance use disorders in prisoners: an updated systematic review and meta-regression analysis in recently incarcerated men and women. Addiction 2017;112:1725-39. pmid:28543749

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Gibbison B al. Prophylactic corticosteroids for paediatric heart surgery with cardiopulmonary bypass. Cochrane Database of Systematic Reviews 2020, Issue 10.

Hartmann‐Boyce  J, McRobbie  H, Bullen  C, Begh  R, Stead  LF, Hajek  P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI:

Miovský M et al. Attention Deficit Hyperactivity Disorder among clients diagnosed with a substance use disorder in the therapeutic communities: prevalence and psychiatric comorbidity. Eur Addict Res 2020.

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.