BAL Lazio

Aree tematiche

L’effetto “zombie” di una nuova droga sintetica

Pubblicato martedì 24 Gennaio 2017

Era il 12 luglio 2016 quando, nel pieno dell’estate newyorkese, per le vie di Brooklyn furono avvistate una trentina di persone le cui condizioni, secondo i testimoni oculari, ricordavano quelle degli zombie. Ne diede subito conto un articolo del New York Times, corredato da un video, che parla di una tribù di persone “barcollanti, in preda, si ritiene, degli effetti nefasti del K2, una droga sintetica che le autorità locali hanno faticato molto a eradicare”.

A quasi sei mesi di distanza il New England Journal of Medicine ricostruisce la vicenda. A causare una intossicazione di massa, con 33 soggetti coinvolti e 18 ricoveri, fu il fumo di un nuovo tipo di “incenso”, una miscela a base di erbe destinate a essere fumate, etichettate e vendute come “Spice”.

Il primo paziente ricoverato, il paziente “indice”, aveva 28 anni, era letargico, ma rispondeva agli stimoli tattili. Le analisi di laboratorio di questo e degli altri 7 ricoverati per lo stesso motivo non hanno evidenziato alcuna anomalia, come neanche le analisi delle urine alla ricerca di amfetamine, cocaina, fenciclidina, oppiacei, metadone, THC, barbiturici, benzodiazepine, antidepressivi triciclici.

Le interviste ai pazienti non produssero ulteriori informazioni sull’identità del composto, fu però possibile recuperarne un campione. A questo punto la ricerca seguì due piste: da un lato l’analisi di campioni biologici degli 8 pazienti e dall’altro, ovviamente, l’esame della miscela d’erbe, con l’uso della spettrometria di massa ad alta risoluzione. Le due analisi congiunte hanno risolto l’enigma. E non si trattava del già noto K2, ma del nuovo “AK-47 24 Karat Gold”: analizzando il prodotto è stato identificato il cannabinoide sintetico conosciuto come AMB-FUBINACA, MMB-FUBINACA o FUB-AMB, a concentrazioni medie di 16.0±3.9 mg per grammo di prodotto. Nel sangue dei pazienti è stato però identificato solo il suo metabolita de-esterificato 2-(1-(4-fluorobenzil)-1H-indazole-3-carbossamido)-3-acido metilbutanoico, con concentrazioni sieriche da 77 a 636 nanogrammi per millilitro.

L’AMB-FUBINACA è 85 volte più potente del Δ9-THC, uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis, e 50 volte più potente del JWH-018, contenuto nei primi prodotti cannabinoidi sintetici. L’analisi delle nuove sostanze psicoattive come questa richiede esami più sofisticati di quelli consueti. E, come si è dimostrato nel caso di New York, è fondamentale la collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte. Gli sforzi congiunti dei pronto soccorsi locali, della agenzia federale antidroga statunitense (DEA), dell’UCSF Clinical Toxicology and Environmental Biomonitoring Laboratory, del Department of Homeland Security Office of Health Affairs e del dipartimento di polizia di NewYork (NYPD) hanno reso possibile l’individuazione del cannabinoide sintetico responsabile del “ritorno degli zombie”. “Con l’aumentare del numero e della complessità delle nuove sostanze psicoattive”, concludo gli autori dello studio, “questo tipo di coordinamento tra diverse agenzie è importante per la risoluzione tempestiva di futuri episodi”.

Anche in Italia, il progetto finananziato dalla Comunità Europea, BAONPS, ha lo scopo di identificare e monitorare le nuove sostanze psicoattive attraverso una attività di “drug checking”, tenendo anche aggiornati i servizi locali e nazionali che si occupano di tossicodipendenze.

Fonti:
33 Suspected of Overdosing on Synthetic Marijuana in Brooklyn, New York Times, July 12, 2016. Adams AJ et al.
Adams AJ et al.  “Zombie” outbreak caused by the synthetic cannabinoid AMB-FUBINACA in New YorkN Engl J Med 2017; 376:235-242 DOI: 10.1056/NEJMoa1610300

Tagged

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine