BAL Lazio

Notizie

Obesità infantile e ipertensione gravidica: un’associazione pericolosa

Pubblicato mercoledì 8 Maggio 2019

I disturbi ipertensivi in gravidanza sono particolarmente preoccupanti perché possono mettere a repentaglio la vita sia della madre che del nascituro. Le donne che hanno sofferto di obesità durante l’infanzia sono ad aumentato rischio di sviluppare disturbi ipertensivi durante la gravidanza rispetto alle donne normopeso. Questi i risultati di uno studio danese presentato al recente Congresso europeo sull’obesità a Glasgow, in Scozia (28 aprile – 1 maggio 2019).

Lo studio
Nella ricerca sono stati utilizzati i dati di 49.615 donne in Danimarca, nate tra il 1930 e il 1996. Le misure annuali di altezza e peso sono state raccolte nel periodo 7-13 anni.

I ricercatori hanno definito sovrappeso e obesità a 7 e 13 anni in base ai cut-off dell’indice di massa corporea Obesity Task Force (BMI 17,69 kg /m2 all’età di 7 anni e 22,49 kg /m2 all’età di 13 anni). Dai registri nazionali, sono state identificate le donne che in seguito sono rimaste incinta e quelle che hanno sviluppato ipertensione gestazionale o preeclampsia dal 1978 al 2017. Nei criteri di inclusione la fascia di età compresa tra 18 e 45 anni e l’aver dato alla luce un singolo bambino alla prima nascita registrata.

L’équipe ha riscontrato che rispetto alle ragazze con peso normale, quelle in sovrappeso all’età di 7 o 13 anni avevano un rischio significativamente aumentato di sviluppare ipertensione gestazionale (1,9 e 2,0 volte, rispettivamente) e preeclampsia (1,6 e 2,3 volte).

Quando si osservano i modelli di cambiamento nell’IMC, le ragazze con sovrappeso a soli 13 anni o con entrambi i 7 e 13 anni avevano circa il doppio delle probabilità di sviluppare ipertensione e preeclampsia gestazionale durante la gravidanza, rispetto alle ragazze con peso normale in entrambe le età.

“Dai risultati quindi deriva che gli sforzi preventivi volti ad aiutare le ragazze a raggiungere un peso normale durante infanzia e adolescenza possono giovare sia alla loro salute che alla salute dei bambini che potrebbero avere in futuro”, concludono i ricercatori autori dello studio.

L’obesità in Europa
Un nuovo studio dell’OMS /Europa, “Prevalenza dell’obesità grave tra i bambini delle scuole primarie in 21 paesi europei” ha raccolto i dati, a partire dal 2007, di 636.933 bambini (323.648 maschi e 313.285 femmine) di età compresa tra 6 e 9 anni. Lo studio ha evidenziato ampie differenze nella prevalenza di obesità grave tra i diversi paesi partecipanti con un range compreso tra l’1.0% in Svezia e Moldavia (95% CI 0,7-1,4 e 0,7-1,5, rispettivamente) e il 5,5% (95% CI 4,9-6,1) nei bambini maltesi. I paesi dell’’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno il più alto livello di obesità grave, circa il 4%. Nei paesi dell’Europa occidentale e settentrionale, come Belgio, Irlanda, Norvegia e Svezia, la prevalenza era inferiore al 2%.

I risultati dello studio mostrano che, nonostante gli sforzi mirati alla prevenzione, ci sono regioni europee che continuano a lottare con tassi comparativamente più alti di obesità infantile: i progressi nell’affrontare la crisi dell’obesità infantile nel continente sono stati piuttosto lenti e disomogenei.

In particolare, l’obesità grave, che colpisce quasi 400.000 bambini di età nei 21 paesi partecipanti, rappresenta un serissimo problema di salute pubblica. Dato il suo impatto sull’istruzione, sulla salute, sull’assistenza sociale e sull’economia, il nuovo rapporto sottolinea che il problema deve essere affrontato attraverso una serie di approcci, dalla prevenzione alla diagnosi precoce e al trattamento.

Fonti
European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.
Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine